Estrazione Bilanci - 2 Annualità

A partire da € 20.00

Elaborazione del documento a partire da: 24 ore
IN SINTESI

L'estrazione bilancio è la copia del bilancio Ufficiale depositato in Camera di Commercio.

E' possibile richiedere il bilancio fino a 2 annualità

Bilancio in forma ordinaria

L'art. 2423 c.c., in vigore dal 2016, al primo comma stabilisce che gli amministratori devono redigere il bilancio d’esercizio in forma ordinaria, costituito da:

  • Stato Patrimoniale
  • Conto Economico
  • Rendiconto Finanziario (Prospetto Contabile)
  • Nota Integrativa.

Il bilancio deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dell'esercizio.

Il bilancio in forma ordinaria riguarda le Società quotate in Borsa che hanno emesso titoli negoziati in mercati regolamentati o che superano i limiti per redigere il bilancio in forma abbreviata.

 

Bilancio in forma abbreviata

Il bilancio in forma abbreviata può essere al solito redatto dalle Società di capitali che nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti (piccole imprese):

  • totale dell’attivo dello Stato Patrimoniale: 4.400.000 €
  • ricavi delle vendite e delle prestazioni: 8.800.000 €
  • dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 50 unità.

Il bilancio abbreviato è composto da:

  • Stato Patrimoniale
  • Conto Economico
  • Nota Integrativa.

Le imprese che rientrano nella classe delle piccole imprese potranno comunque presentare il bilancio in forma ordinaria.

 

Bilancio delle micro-imprese

Sono considerate micro-imprese le società che nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti:

  • totale dell’attivo dello Stato Patrimoniale: 175.000 €
  • ricavi delle vendite e delle prestazioni: 350.000 €
  • dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 5 unità. 

Le micro-imprese sono esonerate dalla redazione:

  • del Rendiconto Finanziario (Prospetto Contabile)
  • della Nota Integrativa

quando in calce allo Stato Patrimoniale risultino le informazioni previste dal primo comma dell’art. 2427 c.c., n° 9 (l’importo complessivo degli impegni, delle garanzie e delle passività potenziali non risultanti dallo Stato Patrimoniale) e n° 16 (l'ammontare dei compensi, delle anticipazioni e dei crediti concessi agli amministratori ed ai sindaci);

e sono esonerate dalla relazione sulla gestione

quando in calce allo Stato Patrimoniale risultino le informazioni richieste dall'art. 2428 c.c., n° 3 (il numero e il valore nominale sia delle azioni proprie sia delle azioni o quote di società controllanti possedute dalla società) e n° 4 (il numero e il valore nominale sia delle azioni proprie sia delle azioni o quote di società controllanti acquistate o alienate dalla società, nel corso dell'esercizio).

Nelle micro-imprese pertanto il bilancio d’esercizio può essere composto soltanto dallo Stato Patrimoniale e dal Conto Economico, per i quali sono previsti forma, struttura e contenuti uguali a quelli del bilancio in forma abbreviata. Nel caso in cui le imprese che rientrano nella classe delle micro-imprese volessero comunque presentare il bilancio completo di Nota Integrativa ed eventuale Rendiconto Finanziario, dovranno redigere e depositare il bilancio in forma abbreviata usando la relativa tassonomia.

Al pari delle piccole imprese, anche le microimprese potranno comunque presentare il bilancio in forma ordinaria.

Il Bilancio d'esercizio è l'insieme dei documenti contabili che un’impresa deve redigere periodicamente, ai sensi di legge, allo scopo di perseguire il principio di verità ed accertare in modo chiaro, veritiero e corretto la propria situazione patrimoniale e finanziaria, al termine del periodo amministrativo di riferimento, nonché il risultato economico dell'esercizio stesso.

Stato Patrimoniale


Rappresenta la situazione aziendale alla chiusura dell’esercizio: in tale prospetto deve essere evidenziata la situazione patrimoniale e finanziaria della società che compone l’attivo, quella che compone il passivo e, come differenza tra le due, il patrimonio netto. Lo stato patrimoniale è suddiviso in due sezioni: attivo e passivo.

Attivo – Tutti i beni e le proprietà possedute dall’azienda (fabbricati, macchinari, attrezzature) utilizzati per l’esercizio dell’attività, i crediti dell’azienda nei confronti di terzi (clienti, etc.), le disponibilità liquide (cassa, saldi attivi dei conti correnti).

Passivo – Debiti dell’azienda verso terzi (fornitori, banche, ...). Il capitale netto indica il debito ideale della società verso i suoi proprietari, ed è costituito dalle riserve e dal capitale sociale.

Conto Economico


Fornisce informazioni in merito alla situazione economica della società, tramite l’indicazione dei costi sostenuti e dei ricavi conseguiti dall’azienda nel corso dell’esercizio: dalla differenza tra costi e ricavi deriva l’utile o la perdita dell’esercizio. L’elemento di raccordo tra il conto economico e lo stato patrimoniale è rappresentato dall’utile dell’esercizio (o la perdita) che se non distribuito ai soci entrerà a far parte del patrimonio dell’azienda nell’ambito del capitale netto.

Nota Integrativa


E' un documento che fa parte integrante del bilancio d’esercizio: in esso devono essere riportate tutte le informazioni che consentono una più veritiera e corretta rappresentazione della situazione economica patrimoniale e finanziaria della società, quali ad esempio l’illustrazione dei criteri contabili adottati, l’indicazione delle informazioni, dei dettagli e delle motivazioni relative all’iscrizione di alcune voci dello stato patrimoniale e del conto economico e altre informazioni di varia natura.


Potrebbe interessarti anche

Visura Protesti

La visura protesti consente di verificare la presenza di un nominativo di un soggetto all'interno del Registro Informatico dei Protesti della Camera di Commercio.

Camera di commercio

A partire da:

€ 7.00

Accedi al servizio

Certificato Ordinario

Il Certificato Ordinario, a differenza della Visura camerale, ha valore legale di certificazione, è valido per sei mesi dalla data di rilascio ed è opponibile a terzi. Viene richiesto in casi specifici (richieste di finanziamento, fusioni societarie, ...) per i quali non sia sufficiente l'esibizione della Visura camerale.

Camera di commercio

A partire da:

€ 25.00

Accedi al servizio

PAGAMENTI SICURI
Paga comodamente ed in maniera sicura con Paypal Paga tramite Paypal gli importi concordati
LINK UTILI
Vomero Service offre consulenza e servizi relativi ad Agenzia delle Entrate Vomero Service offre consulenza e servizi relativi alla Camera di Commercio di Napoli
Vomero Service offre consulenza e servizi relativi al Registro Imprese
CHI SIAMO

La nostra agenzia di servizi è VOMERO SERVICE di Raffaele Vigorito.
VOMERO SERVICE offre attività di assistenza e consulenza fiscale e tributaria inoltre effettua visure e certificati camerali, deposito bilanci e firma digitale.